Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘orologi’

Ci sono due variabili determinanti nella gestione del lavoro in qualunque impresa: le persone e il tempo. E ci sono strumenti che spesso sottavalutiamo ma che diventano critici proprio nella gestione di queste due variabili e dei costi che comportano: sono gli strumenti legati al mondo degli orologi industriali, quali i timbracartellini o orologi marcatempo, e tutti i sistemi di rilevazione presenze e accessi.

Questi strumenti consentono di gestire il valore del lavoro in base al tempo che i dipendenti dedicano all’azienda.

Sono sostanzialmente dei microcomputer programmabili e quindi adattabili alle diverse esigenze dell’utilizzatore che consentono la registrazione dei movimenti di entrate e uscita del personale in azienda, ad esempio il controllo con stampa su scheda (i classici “caretellini, appunto). Il termine comune “timbracartellini” sembra quasi sminuire l’importanza che in realtà questi strumenti possono avere per un’azienda!

Questi strumenti sono spesso accomunati e affiancati a terminali di controllo accessi, soluzione che rappresenta un metodo efficace per la gestione dei problemi legati al controllo e alla verifica della presenza e del passaggio delle persone in determinate aree. L’accesso a luoghi come uffici, zone in cui si conservano dati e materiali riservati, aree con elevato grado di pericolosità, ma anche settori il cui accesso può richiedere abilitazioni temporanee, diventa più protetto e controllato grazie alle funzionalità garantite dai questi terminali: è indispensabile poter fare affidamento su strumenti pratici e sicuri.

Tutti questi sistemi, grazie ad ampie possibilità di interfacciamento con i sistemi informativi e gestionali, facilitano anche il calcolo e la totalizzazione delle ore lavorate riducendo il carico di lavoro ed il tasso di errore dovuto ad un conteggio manuale. Queste caratteristiche si traducono facilmente in quelle che sono due parole chiave fondamentali per qualunque azienda: sicurezza ed efficienza.

Annunci

Read Full Post »